Percorso

Il Banco - Idee nate tra i banchi di scuola

Io amo molto gli animali, in particolare gli uccelli perché sono morbidi e mi piace osservarli. Da ciò è nata questa poesia che dedico a loro

Il calducciopasserotto

Se ne sta il passerotto al calduccio,

coperto dal suo tettuccio.

Mi piace osservarlo

con i miei occhietti guardarlo.

Mi fa tanta tenerezza

gli vorrei dare una carezza.

Ma ecco che vola con velocità

per cercare la libertà

Scuola Secondaria di I grado di Nicotera: Antonio Maria Leone - classe I A

Levi Ackerman Delia Emma classe I A

 Scuola Secondaria di I grado di Nicotera: Emma Delia - classe I A

L’adolescenza è un tratto dell’età evoluta che si divide in prima adolescenza corrispondente al periodoadolescenza tra i 13 e i 15 anni e seconda adolescenza dai 16 ai 18.

Prima dell’adolescenza vera e propria c’è la preadolescenza cioè la fase nel quale il/la ragazzo/a inizia a subire delle modifiche psicologiche e somatiche e a perdere le caratteristiche dell’infanzia.

In questa fase, specialmente le ragazze, pensano che il proprio corpo non sia del tutto perfetto, proprio in questo periodo si rischia di entrare nel tunnel dell’anoressia.

Oltre all’anoressia altri sono i problemi dell’adolescenza, tra cui le difficoltà a scuola, il cambiamento del carattere, i problemi con i genitori, la droga, l’alcol, l’insicurezza e la voglia di crescere troppo in fretta.

Scuola Secondaria di I grado di Nicotera: Mariafatima Gallone - classe I B

Con il passare degli anni il mondo cambia e alcune specie, soprattutto quelle acquatiche, soffrono per il continuo inquinamento. Ad esempio, per questo motivo, in mare c’è un’ isola fatta di plastica e di questo ne soffrono gli habitat, il  clima e le popolazioni.

inquinamento1Il mare è molto bello anche per i suoi fondali ricchi di vegetazione. Esso è in pericolo per l’effetto serra. Si verifica quando i gas emessi dalla terra invece di uscire dall’atmosfera rimbalzano e si dirigono verso il nostro pianeta, aumentando così la temperatura. Per colpa dell’effetto serra i ghiacciai si sciolgono e il livello del mare aumenta sempre di più. Questo vuol dire che i biomi freddi per gli animali polari non ci sarebbero più: l’orso polare, i leoni marini e i pinguini morirebbero per il troppo caldo. Anche alcuni animali marini sono a rischio di estinzione. Essi sono:

La BALENOTTERA AZZURRA: a causa dell’eccessiva pesca e dall’inquinamento acustico provocato dai sonar.

Lo SQUALO: per la continua pesca. Al mondo infatti ne sono rimaste solo 465 specie.

La VAQUITA: è il più piccolo cetaceo. Al mondo ne esistono solo 60 specie e si trovano nel golfo della California. Questo è l’unico cetaceo a vivere nelle acque calde. E’ in estinzione per la continua pesca.inquinamento2

La TARTARUGA: è in via di estinzione non solo per la pesca ma anche per ferite riportate e per diverse malattie da cui viene colpita.

L’ORCELLA ASIATICA: è una specie di delfino: la principale causa della scomparsa è la continua cattura per il suo olio

Il CAVALLUCCIO MARINO: si sta estinguendo per l’inquinamento, l’impoverimento del suo habitat e la continua pesca, soprattutto in Asia.

Scuola Secondaria di I grado di Nicotera: Davide Famà - classe I B 

Aiello Francesco classe I B

Scuola Secondaria di I grado di Nicotera: Aiello Francesco - classe I B

I ANella prima settimana di novembre, gli alunni della classe I A della scuola Primaria di Badia, hanno osservato e manipolato, nell'ambito tecnologico, diversi materiali intorno a loro... Naturalmente hanno molto apprezzato il Das.

Da qui l'idea di abbinare la tecnologia ai primi numeri, il risultato: a piccoli gruppi abbiamo realizzato i nostri semplici lavoretti con questo originale materiale da manipolare a volontà!

Abbiamo imparato e ci siamo divertiti!

 

Scuola Primaria di Badia - classe I A

Giornata della gentilezza1Giornata della gentilezza2In occasione della giornata mondiale della gentilezza, i bambini della Scuola dell’Infanzia di Joppolo si sono cimentati a realizzare un cartellone e piccoli cuori con parole gentili.

Ci sono molti modi per offrire gentilezza, non si nasce gentili, ma lo si diventa seguendo l'esempio dato sia dalla famiglia che dalla scuola, incoraggiando i bambini a fare gesti gentili ovunque e ogni volta che possono.

 

Scuola dell’Infanzia di Joppolo

Lanterne1La ricorrenza e le lanterne di San Martino sono sempre state molto popolari inLanterne2 Francia. Nel resto dell’Europa i festeggiamenti si sono diffusi nel tempo e con più entusiasmo in Germania e in Scandinavia.

Le lanterne di San Martino sono la parabola della luce che evoca amore, anticamente erano scavate nelle rape e legate a lunghi bastoni.

Il dono del mantello

Mantello1Secondo l’antica leggenda, una sera d’inverno, il Santo si imbatte in un mendicante seminudo, a lui donò metà del suo mantello come atto di empatia, generosità e condivisione: San Martino sguainò la spada e tagliò in due il mantello militare che indossava, tenne per sé una metà donando l’altra al mendicante.

La vestizione del mendicante è interpretata in chiave religiosa come l’adesione al cristianesimo: Martino, soldato romano, allora non battezzato, aveva vestito Gesù attraverso il dono del mantello al povero ignudo e infreddolito. Secondo la tradizionale novella, Gesù stesso gli sarebbe comparso in sogno per confermare proprio questa naturale, intima e spontanea adesione alla fede dell’amore.

Lanterne3

Scuola Primaria di Caroniti

Caro diario...                                                                                                                 07/10/21

Kabul, la mia città natale, è di nuovo sotto attacco. La mamma, tempo fa, mi ha raccontato che prima che io nascessi c’ è stato un attacco che, con l’aiuto degli Americani, è stato bloccato. Tutto ciò è surreale. Si sentono bombardamenti tutti i giorni ed a ogni ora, i civili provano a nascondersi e in diariotantissimi muoiono, i palazzi e le case cadono. Dopo la morte dei miei genitori siamo rimasti soli, io e Amal, mia sorella maggiore di 21 anni, ma ora l’hanno presa e portata in un luogo sconosciuto. Lei è stata l’unica che mi ha protetto, fino al punto di farsi catturare. Spero solo che lei stia bene e che non le facciano del male. Voglio rivederla al più presto. Sono rimasto solo, senza nessuno su cui contare e ti assicuro che è una sensazione bruttissima, ho paura di morire da un momento all’altro. Ora sono qui, nascosto dentro una macchina semi distrutta, è l’unico modo per cercare di proteggermi, da solo non posso fare molto. Voglio che tutto ciò finisca, è terribile. Mi manca la mia famiglia, i miei amici, la libertà; voglio andare in giro come prima, voglio esprimere la mia opinione senza essere ucciso. La maggior parte dei bambini della mia età pensa a giocare e a divertirsi, ma per noi bambini afghani, ormai, è impossibile. Prova ad immaginare se ora uscissi da questa macchina? Beh, qui fuori è una catastrofe, come minimo mi prenderei una pallottola in testa. Cercherò di aggiornarti il  prima  possibile.                                                    Con affetto, Aki.

Scuola Secondaria di I grado di Nicotera: Matilde Sbaglia - classe I A 

L’arte e la creatività rivestono un ruolo fondamentale nello sviluppo infantile.

ArteCosì come sosteneva Maria Montessori è proprio attraverso l’arte che i bambini imparano a sviluppare il senso del bello. Avvicinare i bambini al colore e all'arte, in tutte le sue molteplici manifestazioni, significa aiutarli ad acquisire nuove modalità espressive ed è un importantissimo strumento per la conoscenza e la rappresentazione del mondo. Siamo partiti da un'esplorazione libera dei colori, primari e secondari, per giungere alla sperimentazione di diverse superfici, materiali e tecniche pittoriche, prendendo spunto da elaborati di alcuni pittori famosi, ma senza dimenticare la componente fondamentale del gioco.                                  Partendo da questi presupposti la Scuola dell’infanzia di Badia ha creato un piccolo angolo colorato dedicato al disegno e all’arte, coinvolgendo i bambini nella realizzazione di elaborati creativi e manufatti, legati alla tematica autunnale. Il percorso artistico è passato dalla conoscenza anche dell’arte e di artisti famosi. Abbiamo quindi fatto conoscere ai bambini autori che potessero muovere il loro interesse e stimolarli alla produzione artistica. Uno stimolo attraverso lo studio della pittura astratta e dei pittori appartenenti all’espressionismo.

L’espressione artistica nei bambini è fondamentale poiché permette loro di scoprirsi, esprimere le proprie emozioni, sviluppare la fantasia, la sensibilità, la creatività e migliorare la propria autostima, fattore importante per una serena vita futura.

Scuola dell'Infanzia di Badia

Pagina 8 di 27

Inizio pagina
Utilizzo dei cookie

Questo sito utilizza cookie di tipo tecnico, per cui le informazioni raccolte non saranno utilizzate per finalità commerciali nè comunicate a terze parti.
Potrebbero essere presenti collegamenti esterni (esempio social, youtube, maps) per le cui policy si rimanda ai portali collegati, in quanto tali cookie non vengono trattati da questo sito.